Home / Aziende / Incentivi / Incentivi nazionali all’occupazione attivi

Incentivi nazionali all’occupazione attivi

Incentivi per i lavori coinvolti in situazione di crisi

Percettori di NASPI: per la assunzione a tempo indeterminato dei lavoratori percettori di NASPI (Nuova assicurazione sociale per l'impiego) è previsto favore delle aziende l'incentivo pari al 20% dell'indennità mensile che sarebbe stata corrisposta al lavoratore per il periodo residuo di spettanza dell'indennità.

Lavoratori in CiGS: per la assunzione di persone che percepiscono la CIGS sono previsti benefici sia contributivi che economici. Dal punto di vista contributivo, infatti, è prevista una contribuzione a carico del datore di lavoro pari al 10% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali per 12 mesi. Dal punto di visa economico è previsto un contributo mensile pari al 50% dell'indennità di mobilità che sarebbe spettata al lavoratore per un periodo pari a:

  • 9 mesi per lavoratori fino a 50 anni;
  • 21 mesi per i lavoratori con più di 50 anni;
  • 33 mesi per i lavoratori con più di 50 anni e residenti nel Mezzogiorno e nelle aree ad alto tasso di disoccupazione.

Lavoratori in Mobilità: anche per l'assunzione dei lavoratori in mobilità sono previsti sia benefici contributivi che economici. In particolare è prevista la contribuzione a carico del datore di lavoro pari al 10% per la durata di 18 mesi se a tempo indeterminato, 12 se a tempo determinato. Inoltre, se l'assunzione è a tempo pieno, al datore di lavoro viene riconosciuto un contributo mensile pari al 50% dell'indennità di mobilità spettante e non goduta dal lavoratore per un numero massimo di mesi pari a 12 (24 mesi se il lavoratore di età superiore a 50 anni ovvero 36 mesi per le aree del Mezzogiorno).

 

Incentivi volti a favorire l'occupazione di soggetti deboli

Donne: per la assunzione di donne di qualsiasi età, ovunque residenti, e "prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 24 mesi o  6 mesi se residenti in aree svantaggiate o Impiegate in una professione o in un settore economico caratterizzati da una accentuata disparità occupazionale di genere, vi è  la riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro per la durata di 18 mesi se assunte con contratto a tempo indeterminato o 12 mesi per un contratto a tempo determinato. Lo stesso incentivo è previsto per la assunzione di "lavoratori Over 50".

Disabili: per la assunzione di persone disabili a partire dal prima gennaio 2016 è previsto un contributo del 70% della retribuzione lorda imponibile a fini previdenziali, se l'assunzione a tempo indeterminato riguarda un soggetto con handicap fisico superiore al 79%. La stessa percentuale di incentivo è prevista nel caso di assunzione di un disabile intellettivo o psichico con riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%. In questa ipotesi l'incentivo viene riconosciuto per 60 mesi. L'incentivo scende al 35 % nel caso in cui la riduzione della capacità lavorativa sia tra il 67 e il 79%.

Sono previsti anche incentivi destinati alla assunzione di particolari categorie ultra-svantaggiate come persone in esecuzione di pena o di misura di sicurezza detentiva o persone svantaggiate per la loro assunzione nelle cooperative sociali.