Home / Focus / L’autoimpiego e il supporto all’autoimprenditorialità / Il Fondo SELFIEmployment

Il Fondo SELFIEmployment

​SELFIEmployment è un Fondo rotativo nazionale con cui il Ministero del lavoro e delle politiche sociali intende sostenere i giovani nell'avvio delle attività auto-imprenditoriali e di autoimpiego meritevoli e che non troverebbero finanziamento sui tradizionali canali di credito.

Lo strumento nasce nell'ambito dell'Iniziativa Garanzia Giovani e traguarda nella programmazione del Fondo sociale europeo 2014-2020.

I destinatari prioritari, nel primo periodo di vita del fondo, saranno i giovani NEET di età compresa tra i 18 ed i 29 anni iscritti a Garanzia Giovani, che abbiano completato i percorsi di accompagnamento all'autoimpiego e supporto allo start-up di impresa previsti dal Programma e gestiti a livello regionale. Successivamente, potrà essere ampliata la platea dei destinatari, ad esempio andando ad estendere l'età massima fino ai 35 anni, o indirizzando parte delle risorse anche verso altri target svantaggiati quali le donne disoccupate o in cerca di occupazione e i disoccupati di lunga durata.

 

Le risorse attualmente a disposizione del fondo sono pari a circa 114 milioni di euro:

 

  • 64 Milioni provengono da contributi di 11 Regioni (Veneto, Friuli Venezia-Giulia, Emilia-Romagna, Lazio, Abruzzo, Molise, Basilicata, Campania, Sicilia e Calabria) che hanno conferito al fondo quota parte delle risorse di Garanzia Giovani destinate all'autoimprenditorialità;
  • 50 Milioni sono risorse del Pon Spao a titolarità diretta del Ministero e ripartite tra tutte le Regioni.

     

SELFIEmployment è uno strumento finanziario che erogherà piccoli prestiti – non supportati da garanzie - per l'avvio di nuove iniziative di impresa. Caratteristiche principali dei prestiti saranno:

 

  • importo variabile (da minimo 5mila a massimo 50mila euro);
  • tasso di interesse zero;
  • piano di ammortamento di massimo 7 anni.

     

Per l'attuazione dello strumento, il Ministero ha individuato quale soggetto gestore Invitalia SpA, con cui ha stipulato un apposito Accordo di finanziamento.

Invitalia cura, quindi, l'istruttoria delle domande di finanziamento e la selezione delle proposte di investimento. Si occupa della gestione finanziaria della provvista del Fondo, oltre che del controllo e del monitoraggio delle iniziative cofinanziate. A supporto delle iniziative finanziate, con lo scopo di migliorarne la performance e di aumentarne la sostenibilità, fornisce inoltre un servizio di tutoraggio e affiancamento successivo allo start-up, per un periodo non inferiore a 12 mesi.

SELFIEmployment rappresenta uno strumento immediatamente operativo, su cui le Regioni potranno fare affidamento per attuare le proprie politiche di sostegno alle iniziative imprenditoriali meritevoli, innovative e sostenibili. Nato inizialmente per attuare la misura 7 "Sostegno all'autoimpiego e all'autorimprenditorialità" del Programma operativo nazionale "Iniziativa Occupazione Giovani", costituirà, in un'ottica di medio-lungo periodo, un vero e proprio strumento a servizio delle Regioni.

Il Ministero ha scelto di ricorrere all'utilizzo di un Fondo rotativo per i numerosi vantaggi connessi:

 

  • ricostituisce progressivamente la dotazione finanziaria disponibile tramite le restituzioni dei prestiti concessi;
  • consente di superare la logica dei contributi a fondo perduto, perché la rotazione e ricostituzione delle risorse dà modo di supportare un numero maggiore di destinatari rispetto a un fondo perduto tradizionale;
  • colma un gap di mercato che vede un'alta richiesta di supporto alle iniziative imprenditoriali ma una bassa offerta di credito, in primis per le condizioni di non bancabilità dei soggetti proponenti;
  • responsabilizza i destinatari dei finanziamenti poiché le iniziative da finanziare dovranno rivelarsi competitive e solide da un punto di vista economico-finanziario.

 

Le informazioni di dettaglio sono disponibili sul sito dedicato. I dati di monitoraggio sono pubblici e aggiornati settimanalmente in calce al report di monitoraggio di Garanzia Giovani