La storia di Camillo Mirabella

Nasce una Beer Firm tutta siciliana grazie a SELFIEmployment: La nuova birra artigianale si chiamerà Gobler

“Ho sempre avuto una grande passione per la birra e tempo fa mi sono accorto che il consumo di bevande artigianali siciliane nei locali stava aumentando in maniera esponenziale, così sono entrato in questo mondo”, racconta Camillo Mirabella, giovane imprenditore di Catania. “Dopo un corso on-line per diventare tecnico birraio e uno stage all'interno di un birrificio artigianale siciliano, ho finalmente deciso di avviare una Beer Firm, la C&C Distribution, con il mio amico e socio Claudio Grasso.”

Che cos’è una Beer Firm
“E’ un’azienda di birra artigianale, un marchio indipendente in tutto e per tutto che ha le proprie ricette, la propria strategia e la propria brand identity”, spiega Camillo. “La produzione viene invece affidata ad un birrificio esterno, non avendo la Beer Firm un proprio impianto di produzione”.

Da dove siete partiti?
“Ci siamo subito resi conto che non avevamo garanzie per richiedere un finanziamento e realizzare la nostra idea. Tramite un amico sono venuto a conoscenza del Programma Garanzia Giovani, ho subito effettuato l’iscrizione - necessaria per poter richiedere i finanziamenti del fondo SELFIEmployment - e sono stato indirizzato verso uno degli sportelli dell’Ente Nazionale Microcredito a Catania.”

SELFIEmployment, fondo gestito da Invitalia, prevede dei finanziamenti agevolati per tutti i ragazzi, dai 18 ai 29 anni, che hanno un’idea imprenditoriale da realizzare ma non hanno i mezzi per farlo. Per poter richiedere il finanziamento è necessario presentare un business plan, ossia un documento in cui si espone il proprio progetto nei minimi dettagli. 

“Grazie ai tutor del microcredito sono riuscito a trasformare la mia idea imprenditoriale in un progetto concreto”, continua Camillo. “Siamo riusciti a perfezionare il business plan chiarendo quali erano i punti di forza da portare avanti e quali invece erano le parti da scartare in quanto non fattibili”, continua Claudio. 

La determinazione è essenziale per chi intraprende questo percorso e distinguersi è una strategia vincente. 

“Abbiamo deciso di produrre una American Pale Ale, una classica bionda, e una Strong, che è diretta ad una fetta di mercato più giovanile. La caratteristica fondamentale che ci permetterà di differenziarci dalle altre Beer Firms italiane è l'acqua, che compone il 90% della birra. Noi abbiamo la fortuna di poter utilizzare quella non trattata che scende direttamente dall’Etna.”

Cosa succede dopo presentazione del business plan?
“Dopo la presentazione della domanda di finanziamento abbiamo aspettato una settantina di giorni, durante i quali la commissione ha valutato il nostro progetto. Controllavamo giornalmente la posta in entrata ed attendevamo con ansia, ma quando il 18 dicembre ci hanno comunicato l’esito positivo, siamo andati a festeggiare alla grande! Bevendo birra.

Vuoi metterti in gioco anche tu come ha fatto Camillo? Accedi ai corsi gratuiti di Yes I Start Up!